Tag: assertività

Il profumo dell’assertività 3: l’incenso

assertività

Eccoci alla terza puntata della creazione di una semplicissima fragranza per aumentare l’assertività; se hai perso le due essenze precedenti della composizione clicca QUI.

E così, dopo l ‘essenza di punta del cardamomo e quella di cuore del gelsomino arriviamo alla base della piramide olfattiva del profumo, per dare struttura e fissazione al profumo: l’incenso, il cui nome botanico è Boswellia carterii o Boswellia serrata. Come ho accennato in questo post c’è una marcata differenza olfattiva tra l’una e l’altra specie. Per il nostro profumo ho usato la boswellia carterii.

L’INCENSO

L’incenso ha una valenza storica e olfattiva davvero importante; è utilizzato da sempre per rituali sacri, meditazione e rilassamento, per connettere l’energia interiore con qualcosa di superiore, spirituale e divino al punto che ormai oggi farei fatica a dire se sia il profumo in sé a provocare questa connessione, o se sia l’archetipo olfattivo, (la memoria collettiva di questo profumo che da secoli viene associato ad eventi e situazioni sacre), come una sorta di antico logo profumato, a richiamare istantaneamente una certa vibrazione emotiva.

Sta di fatto che oggi l’ncenso è utilizzatissimo (che sia olio essenziale o grani di resina da bruciare), ed è il profumo spirituale per eccellenza.

L’incenso viene utilizzato spesso nei profumi orientali, e armonizza bene con accordi ambrati e con gli agrumi. E’ una fragranza resinosa unica nel suo genere, perché possiede una nota di testa agrumata (questa caratteristica è apprezzata in cucina per la preparazione di dolci) e una nota finale resinosa.

Insieme a cardamomo e gelsomino, dà vita un insolito accordo verticale che esalta la dolcezza del gelsomino rendendolo raffinato e quasi polveroso, mentre la nota di punta agrumata  si fonde con quella  di punta del cardamomo. E’ un accordo senz’altro molto semplice ma ha già una piacevole armonia floreale speziata.

Perché  l’incenso per l’assertività?

Perché dona armonia all’anima, stabilità interiore, centratura, introspezione coraggio, ispirazione; una personalità equilibrata e centrata è portata naturalmente a esprimere nel mondo esterno il proprio punto di vista, in modo consapevole senza eccessi e sentimento di prevaricazione.

L’ACCORDO

Ecco la formula dell’accordo come hai già potuto leggere nella foto:

cardamomo 15 gocce

gelsomino 40 gocce

incenso 60 gocce

Le gocce si riferiscono all’essenza diluita al 10 % (leggi come realizzare le diluizioni alcoliche nell’e-book STARTER KIT PER PROFUMIERI BOTANICI che puoi scaricare gratuitamente QUI).

Otterrai un profumo di circa 3 ml, un campione che ti permetterà di testare il suo effetto su di te. Mi raccomando lascia maturare il profumo almeno una settimana prima di valutarlo: vedrai che più passa il tempo meno sentirai le tre essenze differenziate,  ma più un aroma unico e armonico; soprattutto percepirai il gelsomino per più tempo sulla pelle, grazie all’effetto fissatore dell’incenso ( anche se l’assoluta di gelsomino ha già un buona fissazione). Dopo un settimana dalla miscelazione, lo percepisco intenso, energico, esotico, colorato, gioioso; sulla pelle emergono note quasi polverose; è un profumo pensato anche per l’allestimento olfattivo della casa, per esempio per il soggiorno o lo studio; oppure da tenere in borsa come “ricarica emotiva nei momenti di “down”” durante la giornata.

Per dare un tocco fresco e raffinato in più puoi aggiungere il bergamotto come nota di testa aggiuntiva.

Cosa ne pensi di questo profumo? Fammi sapere come è andata e le tue impressioni, non vedo l’ora di leggerle nei commenti qui sotto!

A presto con il prossimo PROFUMO AROMATERAPICO.

Giorgia.


 

Il profumo dell’assertività #2: il gelsomino

 jasmine botanical

In diversi post ho descritto il gelsomino (QUI), le sue proprietà aromaterapiche, la sua funzione nei profumi. Ormai è evidente: una delle difficoltà più grandi nello scegliere l’essenza giusta per un determinato problema, sta proprio nel fatto che ogni essenza ha un moltitudine di effetti che coincidono, così, spesso non sai quale possa essere quella più adatta che faccia al caso tuo. Io credo che scegliere di istinto sia molto utile e l’olfatto in questo ci dà una bella mano; l’altro modo è comprendere l’anima dell’essenza, il suo carattere, la sua energia e il messaggio fondamentale che vuole trasmettere, e usare  questa vibrazione a seconda delle nostre esigenze. Ti faccio un esempio proprio con il gelsomino, che è il protagonista di oggi.

Probabilmente sai che il gelsomino è un’essenza che aumenta la sensualità, il rilassamento, la gioia, ed elimina molti e profondi blocchi emozionali; ma, come ho scritto anche in questo post, il gelsomino ha anche una sua personalità ben definita che corrisponde a un determinato tipo di persona.

Esprimendolo in poche parole, il GELSOMINO è. Non c’è sforzo nelle sue azioni, vive la vita appieno, senza sensi di colpa, è un magnete per le persone che lo circondano.

Ne deriva che quando tu utilizzi il gelsomino, vai oltre il semplice fatto di risolvere determinate problematiche, tu inizi vibrare alla sua frequenza energetica diventando più simile alla sua personalità in una invisibile e spontanea  trasformazione.

L’assertività è parte naturale della personalità del gelsomino, perché è empatico, comprende ed è compreso dagli altri, non crea scontro ma confronto gentile e amichevole; inserire il gelsomino come nota di cuore del nostro profumo è sicuramente una buona scelta, anche perché si sposa benissimo con il cardamomo: ricordi le note fiorite che ti avevo accennato nello scorso post? Armonizzano con il gelsomino creando un binomio floreale-intenso-dolce speziato che non lascia indifferenti… (se ti sei perso la prima parte sul cardamomo e assertività clicca qui)

fai una prova con due gocce di gelsomino e una di cardamomo e annusa: Cosa ti viene in mente? che emozione ti suscita? se ti va di condividilo nei commenti qui sotto!

Ti aspetto per scoprire insieme l’essenza finale di base che andrà a completare la nostra fragranza profumoterapica.


Contatore utenti connessi

 

Il profumo dell’assertività 1: il cardamomo

CARDAMOMOQuesta settimana scoprirai tre oli essenziali per aumentare l’assertività: il primo è il cardamomo, i prossimi giorni ci saranno gli altri due che non ti anticipo… 😉 ; con la terza essenza troverai anche l’accordo profumato ( che in realtà potrebbe già essere un profumo) da realizzare per migliorare questa caratteristica della personalità; ma che cos’è esattamente l’assertività? Ecco  la definizione di Wikipedia:

“L’assertività (dal latino “asserere” che significa “asserire”), o asserzione (o anche affermazione di sé), è una caratteristica del comportamento umano che consiste nella capacità di esprimere in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e opinioni senza tuttavia offendere né aggredire l’interlocutore.

Secondo gli psicologi statunitensi Alberti ed Emmons, si definisce come «un comportamento che permette a una persona di agire nel suo pieno interesse, di difendere il suo punto di vista senza ansia esagerata, di esprimere con sincerità e disinvoltura i propri sentimenti e di difendere i suoi diritti senza ignorare quelli altrui».

Essa si può anche delineare come il giusto equilibrio tra due polarità: da una parte il comportamento passivo, dall’altra il comportamento aggressivo.”

E’ una qualità molto utile da sviluppare e non sempre gli eventi della vita ci aiutano a esprimerla al meglio, un po’ per timore di offendere gli altri, un po’ perché non troviamo il modo oggettivo di approcciare la situazione; ecco che la profumo terapia ci dà una mano con alcune essenze speciali che se usate da sole o in sinergia possono davvero aiutarti a riconnetterti in uno stato d’animo efficace a esprimere al meglio la tua assertività.

La prima è il cardamomo. IMMAGINE DI GOOGLE

IL PROFUMO DEL CARDAMOMO

iniziamo dal profumo, da cui parte ogni effetto emotivo dell’olio essenziale. Il cardamomo è davvero speciale, unico e particolare, si distingue per la sua originalità, la sua impronta olfattiva.

L’olio essenziale viene estratto dai semi di Elettaria cardamomum. E’ una nota di cuore-testa: L’odore  è caldo-speziato. La nota di testa è canforata-medicinale e ricorda l’eucalipto; più tardi diventa balsamica, legnosa con note floreali dolci. E’ tenace e ha un a discreta intensità.

Sotto sotto, se lo ascolti bene ti svela note fruttate, quasi impercettibili, un po’ come quando mordi la piccola amarena che non ti aspettavi, dentro una torta.

Ho iniziato ad apprezzare questo profumo quasi 10 anni fa quando mi appassionai alla cucina indiana. Avevo messo a punto un budino di latte e riso molto particolare, aromatizzato con i semi di  cardamomo, stimmi di zafferano e baccello di vaniglia.

Poi ho scoperto l’olio essenziale, dal profumo intenso; nei momenti di calo di energia emotiva è sufficiente annusarlo per qualche minuto, respirare profondamente questo aroma per sentirsi già subito meglio con più voglia di fare e più motivazione.

PROPRIETA’ PROFUMOTERAPICHE

Il cardamomo in aromaterapia è considerato stimolante, incoraggiante, chiarificante, capace di donare entusiasmo (è un perfetto esempio di Spicy Type); contro l’apatia, lo stress mentale e la confusione, ottimo per ritrovare il focus, la propria direzione, la concentrazione, l’entusiasmo durante la giornata e fare chiarezza mentale.

Queste caratteristiche si rispecchiano nel Tipo Cardamomo che di solito è una persona forte, motivata, che ispira gli altri, entusiasta. Rileggendo la definizione di Wikipedia, si osserva che  il cardamomo contribuisce all’aspetto propositivo nell’assertività, esprimendo con energia la propria opinione.

Oltre a beneficiare del suo profumo come abbiamo visto sopra, questo olio essenziale ti porta  nella sua stessa vibrazione che è quella del terzo chakra, quello  che regola la volontà, l’espressione della propria personalità e l’autodeterminazione.

UTILIZZI PRATICI.

ci sono diversi semplici metodi pratici per utilizzarlo in profumoterapia:

-nel diffusore a ultrasuoni: 4-5 gocce per una stanza;

-per un bagno tonificante: 8 gocce nella vasca oppure sotto la doccia 2-3 gocce in un cucchiaio di bagnoschiuma;

-in un olio profumato da massaggio: 30 gocce in 30 ml di olio base di mandorle o cocco o jojoba.

Nel prossimo post scopriremo la seconda essenza da abbinare per creare il profumo per l’assertività e qual è il suo contributo nell’intero blend.

Se ancora non lo hai fatto, ti invito a iscriverti alla newsletter per ricevere gratuitamente l’e-book “STARTER KIT PER PROFUMIERI BOTANICI”  e ricevere gli aggiornamenti riservati agli iscritti.

E tu,  hai già utilizzato il cardamomo?  quali sono le emozioni che ti ha evocato?

Non vedo l’ora di saperlo nei commenti qui sotto!

a presto

Giorgia