CAMOMILLA VERDE

 

 

Quali sono le essenze e i profumi più adatti per combattere lo stress e tutti i sintomi correlati? Oggi ti propongo una “mappa” delle essenze per aiutarti a creare la tua fragranza personalizzata antistress.

Personalmente credo che  un profumo che piace sia sempre antistress perché ci mette in una vibrazione piacevole e per un istante ci fa dimenticare gli aspetti della nostra vita che non ci piacciono, un po’ come fa una carezza, il nostro cibo preferito o una bella canzone.

E’ comunque vero che ci sono essenze dalle note proprietà antistress, che tra poco vedremo.

Ma qual è la definizione di stress? O meglio quali sono i campanelli di allarme che ci fanno capire che siamo stressati?

Valerie Ann Worwood ha evidenziato tre livelli di disagio (dal meno grave al più grave) a cui corrispondono particolari sintomi che definiscono lo stato di malessere della persona; a ogni livello consiglia particolari essenze in miscela, e uno stress kit:

Primo livello: stanchezza, irritabilità, dolori, depressione occasionale;

secondo livello: ansia, depressione, allergie ai cibi, infezioni persistenti, malattie sub-acute, debolezza;

terzo livello: modelli complessi di sintomi: dalle somatizzazioni gastriche, alla paura, ritirarsi dalla società,  disperazione…

Questi sono alcuni dei numerosissimi sintomi o somatizzazioni dello stress , e molti coincidono con i sintomi dell’ansia.

Secondo diversi studi, di ricerche e secondo l’esperienza di diversi aromaterapeuti come la Worwood c’è un kit di base che puoi allestire con poche essenze mirate.

Nota bene: le essenze ti possono aiutare ad alleviare i sintomi ma non è detto che ne risolvano la causa scatenante…

Sandalo e lavanda sono conosciuti come i più efficaci, poi abbiamo l’ylang ylang  il petitgrain, il mandarino, la salvia sclarea, il geranio e la camomilla romana; ognuno agisce a suo modo ed è specifico per particolari sintomi.

LE ESSENZE ANTISTRESS

Vediamo 6 essenze davvero efficaci per il trattamento di questo disturbo dalle innumerevoli sfumature:

1)Sandalo; alcune sindromi depressive, aiuta a focalizzarsi nel qui ed ora quindi aiuta a calmare l’iperattività della mente che causa agitazione e apprensione (non a caso è utilizzato per favorire la meditazione).

2) lavanda: analgesico, contro il mal di testa; contro la stanchezza nervosa, rigenerante e riequilibrante del sistema nervoso.

3)Geranio: indicato per sciogliere le tensioni date da stress da lavoro; diminuisce l’ansia quando si accompagna a senso di esaurimento ed è adatto per attenuare senso di frustrazione, irritabilità e affaticamento. Per chi si stressa da iper-perfezionismo

4)Camomilla romana: è ideale per risolvere le somatizzazioni fisiche dello stress soprattutto a livello di stomaco e intestino perché aiuta a lasciare andare, lasciar correre: questa qualità è una delle più efficaci per affrontare lo stress perché ci aiuta a vivere ogni difficoltà con distacco emotivo rompendo così il circolo vizioso della somatizzazione.

5)Ylang ylang: indicato quando lo stress provoca tachicardia e inibizione del desiderio sessuale. Rilassante e afrodisiaco sono le due principali funzioni di questo fiore esotico e ammaliante.

6)Salvia sclarea: indicata quando lo stress va a compromettere alcune funzioni dell’apparato genitale femminile, come per esempio nell’amenorrea. Va bene anche quando ci sono repentini cambiamenti di umore a causa di sbalzi ormonali, depressione e confusione mentale data dall’iperattività.

Per scegliere l’essenza più adatta a te, può esserti di aiuto mettere nero su bianco i sintomi e le cause che ti portano a vivere i momenti più intensi di stress : come ti senti? quali sono le somatizzazioni  più frequenti? quali sono le situazioni più stressanti?

Quando avrai scritto, confronta le tue parole con la descrizione delle essenze qui sopra e scegli quella che si avvicina di più alla soluzione  del problema.

Puoi utilizzare l’essenza scelta da sola per bagni aromatici, massaggi, nel diffusore o come profumo spray per la casa e per il corpo; ma se desideri creare un profumo più complesso “multisfaccettato” per  arricchirlo e personalizzarlo con la tua firma,  ti consiglio di continuare a leggere la seconda parte del post dove troverai l’elenco delle  essenze complementari;  queste essenze oltre a  sostenere gli effetti delle prime 6 creano con  esse accordi profumati piacevoli e di sicuro effetto con pochi abbinamenti; in questo modo potrai avere una “palette” di odori più ampia (il profumo deve essere gradito) per sbizzarrire la tua fantasia.

ESSENZE COMPLEMENTARI

Ecco quali sono gli oli essenziali che puoi abbinare e i loro effetti profumoterapici:

bergamotto (fruity): l’olio essenziale di colore verde e le sue qualità aromaterapiche hanno affinità con le caratteristiche di questo colore: infatti è rilassante e antidepressivo; aiuta a non accumulare tensioni tra le persone ma predispone alla collaborazione, una qualità che svolge anche nei profumi armonizzando le miscele.

Rosa (floral): aiuta a dissolvere blocchi, chiusure e  amarezze legate alla sfera emotiva: ottimo antidepressivo, svolge un’azione dolce e armonizzante  aumentando la sfera d’azione delle altre essenze perché sciogliendo i blocchi emotivi fa si che l’azione degli altri oli essenziali associati arrivi più in profondità.

vaniglia (fruity): come nei dolci, la vaniglia rende tutto più buono, più piacevole, arrotonda le spigolature delle altre essenze e anche quelle dell’anima; sorridente e spiritosa, è la polvere magica che colora il calderone di fumi speciali e attiva la pozione…

Legno di cedro (wood): utile in caso di stress da cambiamento, per infondere sicurezza e rinforzare la personalità; è quindi molto indicato per adattarsi a ogni situazione e persona (l’adattamento è una qualità chiave per non innescare meccanisti stressanti).

Vetiver (root): rinforza corpo e spirito perché riconnette direttamente all’energia della Terra, utile quando lo stress provoca spossatezza, esaurimento fisico e mentale; per esempio dopo lo stress di una malattia, quando il corpo è debilitato (per esempio anemia).

Arancio amaro (fruity):indicato quando lo stress provoca tristezza e afflizione; l’essenza gioiosa per eccellenza, solare e piena di energia, rallegra e calma la tensione nervosa.

ecco qualche idea con proporzioni indicative (Per sapere passo a passo come realizzare il profumo puoi scaricare gratuitamente il mio e-book da questa pagina):

 Polvere di rosa: 1sandalo, 2 vaniglia 1 rosa : leggera depressione, dolore emotivo , tristezza.

fiorito fresco: 1salvia sclarea,3 lavanda, 2 rosa:  ansia, irritabilità da sindrome premestruale

 Sentore di colonia: 1geranio, 2lavanda, 3 bergamotto: dopo una giornata di lavoro impegnativa, per distendere le tensioni e rigenerarsi.

raggio di sole: 2 legno di cedro, 2 arancio amaro, 1 bergamotto: all’inizio di una giornata che si preannuncia stressante (per esempio nella doccia del mattino), per trovare motivazione e centratura interiore diminuendo così l’impatto delle situazioni  stressanti.

Per saperne di più sul profumo di ogni olio essenziale descritto, clicca sul suo nome per andare ai post delle monografie disponibili; ovviamente la cosa migliore è sempre sentire con il proprio naso l’effetto che ogni essenza provoca in te e ascoltare ciò che il nostro prezioso  olfatto ci comunica.

Ricorda che ogni olio essenziale è molto più che un mix di sostanze chimiche, molto più del nome della pianta da cui viene estratto, molto più del suo aroma: è anche lo specchio della nostra interiorità ed è diverso per ognuno di noi.

E tu, hai già qualche essenza preferita che ti mette subito in uno stato di benessere interiore? non vedo l’ora di saperlo nei commenti qui sotto!

un abbraccio

Giorgia


Contatore utenti connessi